XILOFONO ARCOBALENO €.24,90
XILOFONO ARCOBALENO €.24,90
CAVALCABILE ALL AROUND DELUXE €.39,90
CAVALCABILE ALL AROUND DELUXE €.39,90
TAPPETO CON ARCHI FORESTA MAGICA  €.49,90
TAPPETO CON ARCHI FORESTA MAGICA €.49,90
FIRST DREAM GOODNIGHT MOON €.19,90
FIRST DREAM GOODNIGHT MOON €.19,90
CHICCO FATTORIA PARLANTE €.29,90
CHICCO FATTORIA PARLANTE €.29,90
GIOCO ALL AROUND BOY €.34,90
GIOCO ALL AROUND BOY €.34,90

SICILIA BLINDATA FINO AL 7 GIUGNO E VACANZE IN SICUREZZA

Sarà la conferenza Stato-Regioni ad avere l’ultima parola su chi e come si entrerà in Sicilia

La Sicilia resta blindata almeno fino al 7 giugno, giorno in cui “scade” l’ordinanza del presidente della regione Musumeci. Non è ancora chiaro se ore entrare in Sicilia servirà un passaporto sanitario.

“Per il momento le certezze sono due, i tecnici sono al lavoro per dare contenuti al protocollo sanitario; l’ordinanza del governatore siciliano che prevede anche limiti per chi proviene da altre regioni scade il 7 giugno”. Lo ha detto Nello Musumeci in una intervista rilasciata al Sole 24 Ore.

Mentre gli imprenditori del settore turistico e dell’indotto scalpitano per ricominciare ad ospitare i turisti, il protocollo di sicurezza, ad una settimana, non è ancora pronto.

“Noi riteniamo che il turista debba poter restare in Sicilia in una condizione di sicurezza per sé e per chi lo ospita”, dice il presidente della regione. Musumeci ha confermato che il protocollo di sicurezza che ancora non è definito nei particolari, sarà frutto di un lavoro tra il dipartimento regionale della Salute e quello del Turismo, con la collaborazione degli operatori turistici. “E prevede anche il potenziamento dei servizi sanitari soprattutto nelle isole minori”, aggiunge.  

Sarà la conferenza Stato-Regioni ad avere l’ultima parola su chi e come si entrerà in Sicilia. “La decisione deve maturare all’interno di un confronto tra lo Stato e le Regioni quindi all’interno della Conferenza con il coinvolgimento dei Comuni”, ha ribadito Musumeci che attenderà le decisioni del Governo Conte per formare la propria ordinanza.

“Non può essere demandato alle regioni il compito di decidere sulla mobilità interregionale – ha aggiunto il presidente della Regione Siciliana – non riesco a immaginare sullo Stivale una mobilità a macchia di leopardo”.

Sarà dunque Conte e la squadra di Governo a dover dare il via alla mobilità tra regioni. Sara poi compito dei presidenti di regione adottare le conseguenti ordinanze. “Ogni regione sarà chiamata ad adottare misure di tutela e di cautela differenti”.

FONTE: DIRETTASICILIA

EMERGENZA CORONAVIRUS #IORESTOACASA

DA SANITAR BABY CORLEONE ATTIVO SERVIZIO A DOMICILIO, CONTATTARE I SEGUENTI NUMERI TEL.3517401974 WhatsApp 3273886320
QUELLO CHE NON TROVI SUL SITO CHIEDILO PER TELEFONO, NON TUTTO E’ PUBBLICATO