SERALE/ STRADE DEL CORLEONESE IMPRATICABILI: IMPOSSIBILE PER GLI AGRICOLTORI TREBBIARE IL GRANO! (VIDEO)

6 luglio 2020

Vero: le Province siciliane, che si occupavano della viabilità provinciale, sono state finanziariamente massacrate dai Governi Renzi e Crocetta. Ma ciò è accaduto tra il 2014 e il 2017. Oggi siamo nel 2020. Non ci sono soldi, presidente Musumeci? E se noi andassimo a raccontare agli agricoltori del Corleonese che, appena un mese fa, avete stanziato 120 milioni di euro per i parcheggi ‘scambiabili’ di Palermo come la prenderebbero?  

  • VESTITO NEONATA MEILISA BAI 9-36M €.46,00
    VESTITO NEONATA MEILISA BAI 9-36M €.46,00
  • BOMBER IN NYLON FANTASIA ETA’ 6-30M €.45,99
    BOMBER IN NYLON FANTASIA ETA’ 6-30M €.45,99

C’è l’agricoltura raccontata dai comunicati del Governo regionale siciliano: fondi europei di qua, giovani agricoltori di là e bla bla bla. Poi, ogni tanto, spunta la realtà: l’olio d’oliva ‘extra vergine’ tunisino e il grano canadese che invadono la nostra Isola e anche gli agricoltori siciliani che non riescono a trebbiare il grano perché le strade – supponiamo le strade provinciali – non consentono agli agricoltori l’accesso ai fondi.

Succede nel Corleonese: imprenditori agricoli che operano a Corleone, a Bisacquino e a Contessa Entellina in grande difficoltà. A puntare i riflettori su questa vicenda è un bel servizio di TCS 116 Giornale Nisseno. Noi abbiamo trovato questo video sulla pagina Facebook di Giuseppe Scarlata, un gravo agricoltore che alleva animali e produce formaggi dalle parti di San Cataldo, nel Nisseno.

Il servizio è molto interessante perché racconta la verità su un angolo della Sicilia dove si produce il grano. E lo fa dando la parola ai protagonisti dell’agricoltura: gli imprenditori di questo settore. A noi sembra molto importante ascoltare quello che dicono gli agricoltori, perché non fanno ‘filosofia’, ma raccontano la realtà: la realtà che vivono ogni giorno. 

  • CHICCO CARILLON €.19,90
    CHICCO CARILLON €.19,90

Per noi questa – purtroppo – non è una novità. Abbiano cominciato a denunciare lo strato pietoso in cui versavano le strade provinciali nel 2015, quando imperversava il Governo nazionale di Matteo Renzi.

La competenza sulle strade provinciali è delle Province. Ma nella passata legislatura – Renzi Presidente del Consiglio (sostituito nell’ultima fase da Paolo Gentiloni) e Rosario Crocetta presidente della Regione siciliana – le nove Province siciliane sono state ‘saccheggiate’.

Hanno lasciato le nove Province dell’Isola senza soldi; e senza soldi è rimasta anche la Regione siciliana. Risultato: strade provinciali della nostra Isola abbandonate a ‘cura’ del PD di Renzi, di Crocetta, di Lumia, di Cracolici, di Lupo e via continuando. 

Nel Novembre del 2017 si è insediato il Governo siciliano di Nello Musumeci. Uno dei primi atti compiuti da questo esecutivo di ‘geni’ del centrodestra è stato quello di accettare, supinamente, lo scippo dell’IVA da parte dello Stato in forza di un accordo siglato dal precedente Governo Crocetta. Un ‘regalo’ di centinaia di milioni di euro della Sicilia a Roma.

Sapete perché Musuneci e compagnia bella hanno accettato il taglio dell’IVA senza fiatare? La nostra tesi è la seguente: si era nel Gennaio del 2018 e un altro ‘genio’ della politica – Berlusconi – deve avere detto ai ‘geni’ siciliani del Governo di centrodestra:

“Tranquilli, firmate, a Marzo io e Renzi vinciamo le elezioni politiche nazionali e andiamo a governare. Già siamo d’accordo”.

Invece le elezioni del Marzo 2018 le hanno vinto gli altri ‘geni’: i grillini. Che, siccome sono, per l’appunto, ‘geni’, prima hanno dato vita a un Governo disastroso con la Lega e poi hanno dato vita a un Governo, altrettanto disastroso con il PD. Due Governo che hanno continuato a massacrare la Sicilia e i Siciliani.

Nel frattempo Musumeci e la sventurata Sicilia che governa, oltre ad aver perso i soldi delle Province, ha perso anche i soldi dell’IVA. Del resto, non sono dei ‘geni’?

Per carità: qualche strada provinciale il Governo Musumeci l’ha sistemata: ma è pochissimo rispetto al delirio dell’attuale viabilità provinciale.

Gli agricoltori intervistati in questo video raccontano l’impossibilità di recarsi nei propri fondi, perché la viabilità non lo consente! Sembra incredibile, ma in certe aree della nostra Isola la viabilità è addirittura peggiore di quella che si riscontrava in Sicilia negli anni del secondo dopoguerra!

Ora, presidente Musumeci, al netto del ‘regalo’ dell’IVA, vi ricordiamo che sono passati quasi tre anni da quando lei e la sua Giunta vi siete insediati. Certo, ci sono stati e ci sono problemi finanziari: ma con un po’ di fantasia i soldi per sistemare le strade provinciali si trovano.

Se lo immagina cosa penserebbero di lei e del ‘genio’ che si è scelto come assessore regionale all’Agricoltura se noi andassimo a raccontare agli agricoltori di questo video che il suo Governo ha stanziato 120 milioni di euro per inutili parcheggi di Palermo?

Pensi un po’, presidente Musumeci: con 120 milioni di euro si potrebbero sistemare non soltanto le strade provinciali del Corleonese, ma chissà quante altre strade provinciali abbandonate della Sicilia.

Quindi presidente Musumeci, anche con la ‘malura’ che c’è in giro, quando bisogna finanziare qualcosa che vi interessa i soldi li trovate. Siccome l’agricoltura non vi interessa, i soldi per sistemare le strade provinciali del Corleonese non ci sono. O stiamo sbagliando qualcosa?

Per fortuna, presidente Musumeci, che noi siamo persone serie e non andiamo a raccontare agli agricoltori del Corleonese che avete trovato 120 milioni di euro per i parcheggi ‘scambiabili’ di Palermo, sennò chissà cosa succederebbe…

FONTE: INUOVIVESPRI