TRILLINO SCIMMIETTA VIBRATTIVITÀ €.14,90
TRILLINO SCIMMIETTA VIBRATTIVITÀ €.14,90
XILOFONO ARCOBALENO €.24,90
XILOFONO ARCOBALENO €.24,90
PECORELLA NINNA NANNA €.29,90
PECORELLA NINNA NANNA €.29,90

GIUBBOTTO NYLON GIRL 49.99€
GIUBBOTTO NYLON GIRL 49.99€
FELPA CORTA RAGAZZA 29.99€
FELPA CORTA RAGAZZA 29.99€
TSHIRT JERSEY STRETCH CARBON RAGAZZA 19.99€
TSHIRT JERSEY STRETCH CARBON RAGAZZA 19.99€

GILET BIMBO MICROFIBRA 33.99€
GILET BIMBO MICROFIBRA 33.99€
GILET BIMBO TESSUTO LANIERO 35.99€
GILET BIMBO TESSUTO LANIERO 35.99€
MAGLIA BIMBO FELPA GARZATA E SME 31.99€
MAGLIA BIMBO FELPA GARZATA E SME 31.99€

L’ALLARME DI UNIMPRESA: FISCO VORACE TOTAL TAX RATE AL 64% PER PARTITE IVA E PICCOLE AZIENDE

Il total tax rate di piccole aziende e professionisti in Italia è pari al 64%: significa che ogni cento euro di ricavi,  64 se ne vanno tra tasse, contributi previdenziali, pagamenti vari tra cui pagamenti alle camere di commercio e altri oneri obbligatori. Il calcolo è stato fatto dal centro studi di Unimpresa, che ha sommato tutte le voci dei versamenti nelle casse pubbliche. Un allarme al quale si associa una richiesta: anche le pmi devono far parte del tavolo sul taglio della pressione fiscale.
 «Bisogna fare un patto che guardi contemporaneamente alle imprese e ai loro dipendenti», afferma il presidente di Unimpresa, Giovanna Ferrara, in una nota. «Il peso delle tasse sul lavoro è eccessivo e va ridotto drasticamente», osserva. «La zavorra dei tributi frena la corsa del prodotto interno lordo che continua a crescere con ritmi da prefisso telefonico». Il rischio, secondo il presidente, «è che il Paese si avviti presto attorno a una pericolosa stagnazione, ma nessuno sembra preoccuparsi di questa minaccia.  Chi fa impresa in Italia, oggi, ha molto coraggio: una prova di tenacia e resistenza che durano da decenni, assai difficile da decrittare. Se si ferma la piccola impresa, si ferma tutto» è l’avvertimento. 
I numeri parlano chiaro. Ecco qualche esempio elaborato dal  centro studi di Unimpresa. Un’azienda o partita Iva che fattura 50.000 euro, ha un prelievo fiscale complessivo di circa 33.200 euro, con un guadagno netto di appena 17.800 euro. Quindi, calcolando 12 mesi di attività, il profitto, al netto delle tasse, è di circa 1.483 euro, mentre nelle casse dello Stato si versano, ogni 30 giorni, circa 2.766 euro. Secondo i calcoli dell’associazione, su 50.000 euro di fatturato, si pagano: 13.625 euro di saldo Irpef, 5.241 di acconto Irpef, 956 euro di addizionale regionale Irpef, 236 euro di addizionale comunale Irpef, 71 euro di acconto addizionale comunale Irpef, 53 euro come diritti alla Camera di commercio, 1.689 euro di Irap, 797 euro di acconto Irap, 7.191 euro di contributi previdenziali, 3.779 di acconto contributi previdenziali. Il totale dei versamenti è quindi pari a 33.248 euro, cifra che porta il total tax rate sopra quota 64,5%. © RIPRODUZIONE RISERVATA

12 gennaio 2020