LA STAGIONE DEGLI INCENDI, IL PREFETTO DI PALERMO SCRIVE AI SINDACI E ALL’ANAS. FORMALI CHIEDE MONITORAGGIO E PREVENZIONE. LA NOTA DEL MAB SICILIA

di  | 10/05/2021

In vista del gran caldo e dei possibili incendi il prefetto di Palermo Giuseppe Forlani ha scritto alle amministrazioni locali e agli enti gestori di strade ed infrastrutture, per predisporre le necessarie iniziative di prevenzione per fronteggiare le possibili situazioni di rischio causate dai roghi.

Il rappresentante del governo ha chiesto di attivare un puntuale monitoraggio nell’ambito dei territori e delle strutture di competenza, dei centri urbani e delle zone limitrofe.

  • PANTALONE NEONATA MEILISA BAI 9-36M €.32,00
    PANTALONE NEONATA MEILISA BAI 9-36M €.32,00
  • CAMICIA CON CRAVATTA 2-16A €.33,99
    CAMICIA CON CRAVATTA 2-16A €.33,99

“Soprattutto quelle – dicono dalla prefettura – caratterizzate dal passaggio di auto, anche in funzione dell’attivazione dei necessari interventi di prevenzione per la riduzione del rischio di innesco e propagazione degli incendi, boschivi e di interfaccia, con priorità per le infrastrutture strategiche, la rete viaria e le aree di pregio ambientale e naturalistico.

  • CHICCO GIOCO ALL AROUND GIRL €.29,90
    CHICCO GIOCO ALL AROUND GIRL €.29,90
  • PECORELLA NINNA NANNA €.29,90
    PECORELLA NINNA NANNA €.29,90

Particolare attenzione è stata, altresì, riservata alle procedure di informazione dei cittadini sia in ordine alla osservanza delle regole comportamentali connesse alle situazioni di rischio, che al possibile utilizzo del numero di emergenza unico europeo112 per eventuali segnalazioni anche di potenziale pericolo”.

FONTE: BLOGSICILIA
 
 

LA NOTA DEL MAB SICILIA:
Spett.le prefetto, sarebbe il caso di accelerare la messa in campo di tutta la manodopera forestale, agricola e antincendio, solo così si può evitare un disastro come avuto nel 2020.
Ad oggi nei boschi non c’è sorveglianza, ne è stata fatta la prevenzione con i viali parafuoco, in quanto gli operai forestali della manodopera agricola ancora non sono stati avviati in cantiere.

Stessa cosa dicasi per il personale A.I.B. (Addetti incendi boschivi) indicati per la repressione incendi, ancora nonostante tutti i primi focolai sviluppatosi nella regione già ai primi di febbraio, restano a casa.
Detto ciò, confidiamo nel buon senso di tutte le istituzioni, e in particolar modo nella sua persona di spingere alla messa in campo di tutte queste forze umane preziosi alla messa in sicurezza e salvaguardia del territorio, naturalistico e boschivo.

Con stima
Coordinatore Regionale MAB Sicilia
Pietro Margiotta