LA BAIA DEL CORALLO IN FIAMME, INTERVENTO DEI VIGILI DEL FUOCO (FOTO).

Foto precedente                         Foto successiva

Un incendio è divampato sembra partendo da alcune sterpaglie in via Plauto a Sferracavallo ed ha investito la nota struttura “Baia del Corallo”.

Le fiamme hanno avvolto alcuni bungalow. Non è chiaro al momento se ci siano persone all’interno dell’area. Nella zona ci sono anche alcune strutture dell’Ostello della gioventù e questo crea ulteriore apprensione fra chi ha asistito all’esplodere dell’incendio e anche fra i soccorritori. Stanno intervenendo alcune squadre dei pompieri per cercare di arginare le fiamme.

Vigili del fuoco impegnati oggi anche in diversi altri incendi tra Alia e Valledolmo. Sono andati in fiamme alcuni campi coltivati a grano e un’abitazione.

  • VESTITINO IN ORGANZA RIGHE 6-30M €.41,99
    VESTITINO IN ORGANZA RIGHE 6-30M €.41,99
  • TSHIRT STAMPA MACRO 2-16A €.11,99
    TSHIRT STAMPA MACRO 2-16A €.11,99

Da giorni, ormai, la Protezione civile rilancia quotidianamente allarme incendi legati aòlle temperature ed al vento che può alimentare le fiamme.

Il rischio incendi e ondate di calore in Sicilia è in vigore, a singhiozzo, dal 16 giugno, dunque da dieci giorni. La Protezione Civile ha diffuso un avviso di pre allerta per la provincia di Palermo il 15. Livello di attenzione, invece, per le province di Caltanissetta a Catania. L’avviso è valido per l’intera giornata.

Ma gli incendi estivi erano già iniziati due giorni prima, il 14 giugno Vigili del fuoco erano stati impeganti a Pioppo nella zona di Monreale presa di mira più volte da roghi in queste settimane.

  • TAPPETO CON ARCHI FORESTA MAGICA  €.49,90
    TAPPETO CON ARCHI FORESTA MAGICA €.49,90

Altri incendi a Montagna Longa nel territorio di Carini e a Misilmeri. Nella notte un rogo è divampato nel vigneto di proprietà di un avvocato. E’ successo in contrada Ramotta a Partinico, sempre in provincia di Palermo, dove sono intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri ai quali sono state affidate ulteriori indagini.

Fonte: www.blogsicilia.it