DALL’ISMEA MUTUI FINO A 300 MILA EURO A FONDO PERDUTO PER L’AGRICOLTURA FEMMINILE

22 settembre 2020

“Trecentomila euro a fondo perduto per un periodo variabile da 5 a 15 anni a favore delle imprese agricole e zootecniche gestite o amministrate da donne sia in forma personale che associata. È quanto previsto dal bando che l’Ismea ha pubblicato per conto del ministero per le Politiche agricole per potenziare, migliorare e modernizzare le aziende agricole gestite da donne”. Lo rende noto il responsabile del dipartimento per le Attività produttive di Forza Italia Salvino Caputo.

  • GREMBIULE ASILO BAMBINA €.22,00
    GREMBIULE ASILO BAMBINA €.22,00
  • GREMBIULE SCUOLA ELEMENTARE BAMBINA €.15,00
    GREMBIULE SCUOLA ELEMENTARE BAMBINA €.15,00

“E’ un bando importantissimo – ha precisato Salvino Caputo – in quanto si tratta di finanziamenti destinati alle aziende agricole in rosa. Il progetto, che si chiama non a caso “Donne in campo”, prevede interventi economici per le piccole e micro aziende agricole, finalizzati a migliorare la sostenibilità ambientale delle imprese; per migliorare le condizioni igieniche degli animali, per lo sviluppo energetico delle aziende e per realizzare interventi strutturali. Un’agricoltura moderna – ha precisato Salvino Caputo – sostenibile e proiettata a migliorare l’ambiente anche dal punto di vista zootecnico.

  • CHICCO ABC HAPPY PALACE €.19,90
    CHICCO ABC HAPPY PALACE €.19,90

In questo modo molte aziende agricole condotte da donne potranno utilizzare questa grande opportunità. Il dipartimento regionale di Forza Italia si sta attivando per diffondere le schede del progetto dell’Ismea a tutte le aziende agricole destinatarie delle risorse. Siamo pronti a fornire assistenza dal punto di vista tecnico giuridico, a titolo gratuito al fine di rendere più facile il ricorso al finanziamento. Chiederemo inoltre – ha aggiunto Salvino Caputo – all’assessore Edy Bandiera di costituire un gruppo di lavoro a favore delle imprese femminili. Una ulteriore dimostrazione della attenzione di Forza Italia al mondo produttivo siciliano”.