COVID19, NUOVE ZONE ROSSE E PAURA IN SICILIA, LA REGIONE RECLUTA ALTRI MEDICI

di Manlio Viola | 17/10/2020

Un operatore sanitario di continuità assistenziale anti covid19 ogni 25mila abitanti. E’ la misura straordinaria prevista dalla Regione siciliana che, con ordinanza del Presidente Musumeci, recluta personale sanitario per potenziare le Usca delle aree metropolitane siciliane ovvero quelle di Palermo, Catania e Messina. Sono infatti queste tre aree della Sicilia quelle che denunciano il maggior numero di contagi e qui bisogna intervenire con forza.

  • GREMBIULE ASILO BAMBINA €.19,00
    GREMBIULE ASILO BAMBINA €.19,00
  • GREMBIULE SCUOLA ELEMENTARE BAMBINO €.20,00
    GREMBIULE SCUOLA ELEMENTARE BAMBINO €.20,00

Il provvedimento è stato emanato dopo il nuovo boom di positivi. Nell’ultimo report siciliano sono stati 578 i contagiati scoperti e 10 le vittime in 24 ore. Sul fronte della distribuzione provinciale 173 casi a Palermo, 154 a Catania,  76 casi ad Agrigento, 58 a Trapani, 43 a Messina, 26 a Caltanissetta  22 a Siracusa, 15 a Ragusa 11 ad Enna. Numeri che preoccupano un po’ ovunque.

  • MR. PUPPY PELUCHE ATTIVITÀ €.12,90
    MR. PUPPY PELUCHE ATTIVITÀ €.12,90

E la Regione ha deliberato anche l’istituzione di due nuove zone rosse che si aggiungono a Galati Mamertino nel Messinese. Si tratta di Mezzojuso nel Palermitano e di Sambuca di Sicilia nell’Agrigentino. Proprio Sambuca ieri denunciava una cifra statisticamente rilevante ovvero quasi l’1% della popolazione contagiata, 56 casi su meno di 6000 abitanti ed è questo focolaio ad aver fatto alzare i contagi di Agrigento nel complesso.
A Palermo, invece, riferendosi all’intera provincia, sono 2009 gli attuali positivi, oltre un terzo del totale regionale che non raggiunge i 6000.
E il contagio non risparmia neanche lo stesso assessorato regionale alla salute. Positivo è risultato un dirigente dell’assessorato impegnato proprio nel coordinamento delle attività anti covid. In quarantena 10 suoi collaboratori e tampone anche per l’assessore Razza risultato negativo.
E intanto si aspetta fra oggi e domani il nuovo dpcm nazionale che potrebbe imporre altre restrizioni di orario ai locali e la chiusura anche dei centri di aggregazione e delle palestre nelle regioni a maggior contagio fra le quali al momento non c’è la Sicilia. Molto Dipenderà dal confronto con i governatori il cui esito si conoscerà in giornata. Musumeci porta ancora al tavolod elc onfronto il tema dei matrimoni ma sono poche le possibilità di un allargamento su quel fronte proprio mentre si stringe su altri

FONTE:BLOGSICILIA