COVID19, CHIUDE IL MERCATO ORTOFRUTTICOLO DI PALERMO PER RISCHIO CONTAGIO

di  | 10/10/2020

Il mercato ortofrutticolo sarà chiuso dalla prossima settimana in via precauzionale. La decisione è scattata dopo che l’amministrazione è stata informata che tre lavoratori privati del mercato di via Montepellegrino sono risultati positivi al test del tampone. L’ordinanza di chiusura si sta predisponendo in queste ore, tenendo anche conto del fatto che sia oggi che domani la struttura mercatale sarà chiusa per il riposo settimanale.

  • GREMBIULE ASILO BAMBINA €.16,00
    GREMBIULE ASILO BAMBINA €.16,00
  • GREMBIULE SCUOLA ELEMENTARE BAMBINA €.22,50
    GREMBIULE SCUOLA ELEMENTARE BAMBINA €.22,50

Il mercato, nel periodo della ripartenza post lockdown, è stato l centro di mille difficoltà legate proprio al rispetto delle norme anti covid19

Intanto l’assessore Piampiano d’accordo con il sindaco, ha chiesto alla Sispi l’elenco completo di tutte le persone che hanno fatto accesso al Mercato nelle ultime due settimane e che verrà anche trasmesso all’Asp. Sarà disposto inoltre il test per i dipendenti comunali e delle partecipate che lavorano nella struttura.
I dettagli dell’ordinanza di chiusura saranno trasmessi nel pomeriggio.

  • XILOFONO ARCOBALENO €.24,90
    XILOFONO ARCOBALENO €.24,90

Per il sindaco Orlando “L’aumento dei contagi nelle scuole come negli ospedali, negli uffici pubblici come ora al mercato ortofrutticolo non può che destare preoccupazione e allarme, motivo per il quale torno a chiedere ai governi regionale e nazionale di adottare urgentemente dei provvedimenti chiari e univoci che limitino la possibilità di assembramento e tutte quelle attività non indispensabili. E’ l’unica soluzione per evitare di essere costretti a un nuovo lockdown che potrebbe significare la distruzione economica delle nostre comunità”

L’assessore Piampiano ha invece sottolineato che “Grazie al sistema di tracciamento degli ingressi siamo in grado di conoscere tutti coloro che sono stati potenzialmente esposti al contagio. È la conferma della bontà del sistema ma allo stesso tempo del fatto che occorre valutare se non sia necessario tornare ad un sistema di accesso con prenotazione che dia ulteriori possibilità di limitare il contagio, per non essere costretti a bloccare del tutto un attività che è fondamentale per il tessuto economico e per l’approvvigionamento alimentare della città”

FONTE: BLOGSICILIA