AGRIGENTO. Servizi antincendio, 800 addetti sono pronti a entrare in azione

Servizi antincendio, 800 addetti sono pronti a entrare in azione.

Da Agrigento a Burgio, da Licata a Bivona. Sono 800 gli addetti al servizio antincendio nelle aree boschive che entreranno in azione, a partire dal 15 giugno e fino al 15 ottobre, in tutto il territorio provinciale. Calogero Crapanzano, a capo dell’Ispettorato ripartimentale delle Foreste di Agrigento, conferma anche per il 2018 i dati riguardanti uomini e mezzi dello scorso anno.

Gli 800 addetti al servizio antincendio nelle aree boschive opereranno in 15 postazioni dislocate ad Agrigento, Santa Margherita Belice, Burgio, Bivona, Santo Stefano, Cammarata, Licata, Casteltermini, Siculiana, Ribera, Sciacca, Cianciana e Grotte. Saranno 21 le squadre impegnate e 25 le torrette di avvistamento. Un lavoro, quello degli operatori addetti alle squadre antincendio boschivo, tutto finalizzato alla prevenzione dei roghi. Le torrette tutte posizionate in luoghi strategici per sorvegliare l’area boschiva da salvaguardare. Nell’area Saccense saranno intensificati i servizi di controllo anche nell’ambito di un più stretto coordinamento con la Procura della Repubblica di Sciacca. Un protocollo d’intesa è stato stipulato anche con la Procura della Repubblica di Agrigento.

“Ci sono delle novità rispetto al 2017 soltanto per quanto riguarda gli elicotteri – ha detto al Giornale di Sicilia Crapanzano – con un potenziamento di una o due unità in tutta la Sicilia. Per il resto è prevista la stessa forza in campo del 2017″. I centocinquantunisti dell’azienda Foreste Demaniali, invece, sono già entrati in azione con la realizzazione dei viali parafuoco.

Redazione

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.