Articoli

LA RICETTA DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE. MUSUMECI AVVERTE: “FACCIAMO TRE O QUATTRO RIFORME E POI POSSIAMO TORNARE AL VOTO”. IN ELENCO ABBIAMO LA LEGGE SUI FORESTALI

Musumeci avverte: “Facciamo tre o quattro riforme e poi possiamo tornare al voto”

Un “governo delle riforme” con quattro-cinque priorità tra cui la modifica della legge elettorale “poi se si vuole si può discutere di andare a votare, perché io non sono attaccato allo sgabello, sono il presidente della semina e non della raccolta”.

Così il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, conversando con i cronisti a Palazzo dei Normanni.

“Abbiamo la consapevolezza che su tre-quattro cose non ci si può dividere”, ha aggiunto Musumeci che ha poi elencato le priorità: “La legge sui forestali, la legge elettorale, l’agenzia sulla casa, la legge sull’Irsap che va rivista, i consorzi di bonifica, i rapporti con le societa’ delle acque, la possibilità di creare una sola società di gestione degli aeroporti in Sicilia”. Quest’ultima “sarebbe un grande colpo d’ali”, ha sottolineato il governatore. In questo momento “abbiamo una guerra tra poveri. Pensate come una sola società di gestione per tutti gli scali siciliani possa fare diventare la Sicilia più appetibile”.

Quando parla di “governo delle riforme“, Musumeci estende il ragionamento politico e istituzionale alla coalizione che lo sostiene (non parla di maggioranza ndr) e alle opposizioni. Musumeci, preso anche atto della richiesta avanzata dal Pd in conferenza dei capigruppo, ha riunito la giunta per dare il via libera alla proroga di un mese dell’esercizio provvisorio, in scadenza il 31 marzo.

“Prendiamo atto della richiesta del Parlamento ci rendiamo conto che nella legge di stabilità ci sono alcune norme sulle quali occorre tempo per affrontarle”.

“Più tempo abbiamo e più possiamo lavorare. Mi rendo conto che il dibattito sulla finanziaria non può essere strozzato, ho rispetto per quello che decide l’aula. La conferenza dei capigruppo si è orientata per avere più tempo, e maggiore tempo si può concedere solo se si delibera la proroga dell’esercizio provvisorio, ma questo non significa occupare tutto il mese di aprile per la finanziaria”.

“La manovra, se c’è la volontà, può essere approvata a metà aprile in modo così da lavorare poi alle riforme”.

di Giorgio Rossini

27 marzo 2018

Fondi alle famiglie povere, via gli enti inutili e biglietto unico per il trasporto locale. Pronto il Ddl di stabilità

Lo ha varato la giunta musumeci

L’accorpamento di Irfis, Ircac e Crias, l’abolizione degli Istituti autonomi case popolari (Iacp) con l’istituzione dell’Agenzia regionale per la Casa, la soppressione dell’Ente per lo sviluppo agricolo (Esa), la fusione tra Istituto di incremento ippico e Istituto sperimentale zootecnico.

Sono alcune delle norme inserite nel disegno di legge di stabilità regionale per il 2018 approvato dalla giunta Musumeci e che, insieme al Bilancio 2018/2020, passerà all’Assemblea regionale siciliana per l’esame da parte delle Commissioni di merito.

Nell’articolato trova spazio anche il biglietto unico per il trasporto locale che prevede progetti sperimentali di integrazione tariffaria tra i servizi urbani delle tre Città metropolitane di Palermo, Catania e Messina e quelli ferroviari regionali.

Stanziati, inoltre, nove milioni di euro per contributi in conto capitale, a favore di famiglie a basso reddito, per l’acquisto, la costruzione o la ristrutturazione della prima casa. Rimpinguato anche il capitolo per far fronte alle richieste pervenute da oltre dodicimila disabili gravissimi.
di Nicola Funaro

23 marzo 2018

L’ASSESSORE REGIONALE NON SE NE VUOLE PROPRIO ANDARE. SGARBI SPIAZZA TUTTI:

“VOGLIONO IL MIO POSTO? NON VADO VIA, MI CACCI MUSUMECI”

Continua a leggere

Le rivelazioni esclusive di Crocetta a ilSicilia.it: “Ecco come mi hanno fatto fuori” [Videointervista]

 

In alto, la nostra intervista all’ex presidente della Regione Rosario Crocetta nella sua casa di Castel di Tusa.

Continua a leggere

MUSUMECI, I PRIMI 100 GIORNI DA PRESIDENTE: «LA TENSIONE MI TOGLIE IL SONNO, MA BONIFICHERÒ LA REGIONE»

Forum nella redazione del quotidiano La Sicilia con il governatore siciliano che parla a 360 gradi: dall’emergenza rifiuti, alle infrastrutture, alla lotta contro il malaffare Continua a leggere

SGARBI VA VIA, PIEROBON ACCETTA. PRIMI CAMBI NELLA GIUNTA MUSUMECI

PALERMO. Le porte girevoli della giunta. Vittorio Sgarbi ha compiuto un altro passo verso l’uscita annunciando che entro maggio lascerà l’incarico ai Beni Continua a leggere

REGIONE, SGARBI CANDIDATO AL SENATO MA NON LASCERÀ L’ASSESSORATO: “VIA SOLO SE MI CHIEDERANNO DI FARE IL MINISTRO”.

Il critico d’arte assicura: “Anche se eletto a Palazzo Madama, tra il ruolo di senatore e quello di assessore preferisco quest’ultimo e quindi non accetterei il seggio” Continua a leggere