Articoli

“Oggi la Forestale non esiste più, una grave perdita per l’antincendio boschivo”

Liguria – I drammatici incendi boschivi avvenuti in Grecia in questi giorni con un numero altissimo di vittime, gli incendi in Svezia e le notizie, spesso non esatte sul fenomeno degli incendi boschivi, mi inducono a fornire alcune precisazioni tecniche, dal momento che come funzionario del disciolto Corpo forestale dello Stato ho approfondito il fenomeno, anche mediante l’esperienza diretta maturata sul campo. A livello mondiale, il fenomeno degli incendi boschivi, in quasi tutti i paesi in cui questo si verifica, è in espansione e molte nazioni oggi debbono confrontarsi sempre più frequentemente con questa problematica. Gli incendi boschivi rappresentano una delle maggiori cause di distruzione o di degrado di foreste nel mondo e una delle fonti più rilevanti di produzione di CO2 nell’atmosfera. L’incendio boschivo ha delle peculiarità che lo differenzia da qualunque altro tipo di incendio. La sua caratteristica fondamentale è che non è confinato in un sito ma può espandersi indefinitamente su un territorio in cui è presente biomassa combustibile.

Premesso che il fuoco nei boschi è sempre provocato dalla mano dell’uomo per dolo o per colpa e che i soli incendi riconducibili a cause naturali sono quelli provocati da eruzioni vulcaniche o da fulmini, quest’ultimo caso è tuttavia evento rarissimo, c’è da dire che l’autocombustione, a cui troppe volte si continua a citare come causa, è completamente da escludere. Ma quali sono le cause dell’aumento degli incendi boschivi?
Variazioni climatiche con stagioni aride più lunghe, con temperature più elevate, rispetto al passato; espansione delle superfici incolte con conseguente accumulo di biomasse potenzialmente combustibili; incuria verso il territorio e mancati interventi di cura e difesa ambientale.

Per contrastare il fenomeno degli incendi boschivi sono necessarie quindi azioni di previsione, prevenzione, di lotta attiva e azioni post-incendio. Azioni di previsione: raccordando i parametri meteorologici (in particolare umidità, ventosità, temperatura) al tipo di vegetazione forestale, è possibile elaborare indici di previsione e di pericolosità degli incendi boschivi per aree simili. A indici di pericolo elevato deve corrispondere un incremento della vigilanza, l’allertamento della struttura antincendio e specifici divieti, in primis, quello di accendere fuochi per qualunque motivo.
La previsione a poco serve se non viene fatta prevenzione e se non è presente un’efficiente struttura preposta allo spegnimento. Come prevenire? Riducendo la quantità di combustibili presenti nel bosco (arbusti in eccesso, rami secchi ecc.), costruendo e manutenendo viali tagliafuoco, creando punti di approvvigionamento idrico per le autobotti e i mezzi aerei, predisponendo un rapido avvistamento dei primi focolari anche mediate l’uso di droni.
Vi è poi una prevenzione indiretta che consiste in tutte azioni di sensibilizzazione verso la popolazione della gravità del fenomeno, nella repressione dei comportamenti che possono essere causa di incendio e soprattutto nell’insegnare le procedure di autotutela. Troppo spesso si hanno vittime per comportamenti errati e ciò è avvenuto anche a operatori impegnati nell’antincendio boschivo.

Come accennato, le tecniche di spegnimento di un incendio boschivo differiscono completamente da quelle utilizzate per altri tipi di incendi. E’ possibile infatti intervenire attaccando direttamente il fuoco semplicemente con attrezzi manuali: battifiamma; soffiatori, nebulizzatori, con automezzi irrorando le fiamme con acqua addizionata eventualmente a schiuma. Tutto ciò se l’incendio è di bassa intensità (cioè brucia solo il sottobosco e il fuoco non si è ancora propagato agli alberi e in particolare alle chiome). Se l’incendio aumenta di intensità è necessario l’attacco diretto con mezzo aereo in quanto non è più possibile avvicinarsi al fuoco per il calore da questo sprigionato.
In ogni caso, specialmente se l’incendio assume proporzioni devastanti, dove l’energia sviluppata è enorme, occorre attuare le tecniche di attacco indiretto, ovvero si isola il combustibile vegetale che sta bruciando fino a quando non si consuma completamente ed il processo di combustione si interrompe.

L’attacco indiretto può essere condotto mediante la realizzazione di fasce di controllo utilizzando, rastri, rastrelli, zappe, motoseghe, decespugliatori, pale meccaniche ecc. per incendi di bassa intesità, ovvero mediante la tecnica del backfire (controfuoco) per realizzare con lo stesso fuoco porzioni di arre bruciate e quindi incombustibili. E’ una tecnica complessa che richiede grande professionalità degli operatori ma che, specialmente negli incendi di grande estensione, può ritenersi risolutiva. Da tutto ciò si intuisce come tutte le forze in campo devono essere coordinate e operare secondo obiettivi ben prefissati. Purtroppo mai o quasi mai vengono effettuate indagini di tipo valutativo sulla reale efficienza delle organizzazioni di antincendio boschivo a livello europeo, nazionale e regionale e ciò comporta troppo spesso l’inadeguatezza e il ritardo degli interventi messi in atto. Un’efficiente organizzazione antincendio è molto costosa tuttavia si può ovviare, almeno in parte, con un approccio partecipativo delle varie nazioni europee e mediterranee.

A una struttura locale minimale sub regionale o regionale permanentemente attiva, dovrebbero affiancarsi strutture nazionali e internazionali di pronto intervento di alta specializzazione per le grandi operazioni di spegnimento, lasciando il coordinamento operativo agli specialisti locali conoscitori del territorio. E’ ovvio che si dovrebbe promuovere l’armonizzazione procedurale e la formazione degli operatori costituendo centri di addestramento comune. E qui dovrebbe entrare in gioco l’Unione Europea. Oggi il Corpo forestale dello Stato, che curava in molte regioni italiane le attività connesse all’organizzazione antincendio boschivo, non esiste più. Negli anni aveva accumulato notevole know-how in merito. Ci auguriamo tuttavia che gli enti che hanno ereditato le competenze, non disperdano il patrimonio culturale e professionale rappresentato da quella che è stata un’eccellenza italiana, altrimenti dovremo convivere con gli incendi delle proporzioni di questi giorni.

Giovedì 26 luglio 2018 alle 08:39:22
27 luglio 2018

Puglia: La Forestale antincendio presenta il piano e dare la caccia ai piromani

Gli incendi boschivi durante la stagione estiva sono un problema endemico che affligge tutto il territorio italiano. In Puglia nel 2017 se ne sono verificati 454, che hanno mandando in fiamme 4.000 ettari di bosco; nel 2013 se ne erano verificati 313.

Per cercare di contrastarli e prevenirli, il Comando regionale dei Carabinieri Forestali della Puglia, a partire da venerdì 15 giugno fino alla fine dell’estate, scendono in campo con sessanta pattuglie al giorno e cinque nuclei investigativi.

L’anno scorso sull’intero territorio regionale furono eseguiti 6524 controlli,identificate 1214 persone, delle quali 835 furono sanzionate per un totale di 610 mila euro. Gli illeciti amministrativi riscontrati furono 719, 540 le notizie di reato redatte e 800 chilometri le aree percorse dal fuoco, effettuando 1100 interventi su incendi boschivi.

«Questo fenomeno- ha dichiarato Antonio Mostacchi, il comandante regionale dei Carabinieri Forestali, presentando il piano di prevenzione- è una piaga che investe la nostra penisola ogni anno. Le nostre risorse saranno concentrate lungo la viabilità e le aree sensibili».Ai fini preventivi, oltre ai controlli quotidiani, saranno distribuite sull’intero territorio regionale foto e video trappole.

16 giugno 2018

Incendio boschivo a Vezze D’Alba (CN). Sul posto volontari AIB e VdF

Un incendio boschivo di dimensioni considerevoli è divampato nella mattinata del 2 aprile a Vezza d’Alba, nella zona di Via Piave.

Sul posto, da circa un’ora, sono intervenuti i Vigili del Fuoco di Alba e Bra, due squadre dei Volontari AIB ed i Carabinieri Forestali: sono in corso le operazioni di spegnimento e bonifica, che con ogni probabilità dovranno protrarsi per tutto il pomeriggio, ed il presidio presso le abitazioni attigue all’area colpita dalle fiamme. Seguiranno aggiornamenti nelle prossime ore.

AGGIORNAMENTO ore 15.40 – L’incendio è stato spento ed è attualmente in fase di bonifica: sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco di Alba e Bra, tre squadre dei Volontari AIB ed i Carabinieri Forestali.

03 aprile 2018

Il Corpo forestale dello Stato potrebbe risorgere dalle sue ceneri?

seguito dell’accorpamento di oltre 7 mila militari del Corpo forestale dello Stato nell’Arma dei carabinieri – avvenuto ufficialmente nel gennaio del 2017, come disposto dalla riforma Madia del 2015 – solo in 236 hanno chiesto di passare ad altre amministrazioni civili. La paventata smilitarizzazione, di fatto, non c’è stata, probabilmente per una scelta condizionata. La nostra analisi delle attuali norme che regolano il settore, tra mancanza di chiarezza e numerosi elementi di incostituzionalità.

Poco più del 3 per cento degli ex forestali ha salvaguardato il proprio status civile preferendo gradi e mostrine. Per comprendere fino in fondo questa decisione, occorre aver chiari i meccanismi che hanno regolato l’assorbimento del Corpo forestale nei carabinieri.
Il tutto ha inizio con la legge n.124/2015 – la cosiddetta riforma Madia – oggetto di numerose norme già dichiarate incostituzionali.
Con quel provvedimento – fermi restando “la garanzia dei livelli di presidio dell’ambiente, del territorio e del mare e della sicurezza agroalimentare”, oltre alla “salvaguardia delle professionalità esistenti” – il Parlamento delegava il governo alla riorganizzazione del Corpo forestale dello Stato e ad un eventuale assorbimento dello stesso in altra forza di polizia, con contestuale “riordino delle funzioni di polizia di tutela dell’ambiente, del territorio e del mare, nonché nel campo della sicurezza e dei controlli nel settore agroalimentare.
In caso di assorbimento avrebbe dovuto essere previsto “il transito del personale nella relativa forza di polizia, nonché la facoltà di transito, in un contingente limitato, previa determinazione delle relative modalità, nelle altre forze di polizia, in conseguente corrispondenza delle funzioni alle stesse attribuite e già svolte dal medesimo personale, con l’assunzione della relativa condizione, ovvero in altre amministrazioni pubbliche.” [articolo 8, comma 1, lettera a]
Semplificando, si delegava il governo a riorganizzare il Corpo forestale entro diciotto mesi e a disporne l’eventuale assorbimento in altra forza di polizia, salvaguardando la specialità e l’unitarietà delle funzioni, oltre, naturalmente, alle professionalità dei singoli.
In attuazione di quel provvedimento, il governo ha poi emanato il decreto legislativo n.177 del 19 agosto 2016, rubricato “Disposizioni in materia di razionalizzazione delle funzioni di polizia e assorbimento del Corpo forestale dello Stato, ai sensi dell’articolo 8, comma 1, lettera a), della legge 7 agosto 2015, n.124, in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche.
Con l’articolo 7 di quella legge si disponeva l’assorbimento e il transito della maggior parte delle competenze del Corpo forestale nell’Arma dei carabinieri, con la conseguente costituzione, il 25 ottobre 2016 del Comando unità per la tutela forestale, ambientale e agroalimentale (Cutfaa).
Diversa sorte, invece, hanno seguito altre attività prima svolte dal corpo: le competenze in materia di lotta agli incendi boschivi attribuite ai vigili del fuoco (articolo 9); le competenze in materia di ordine e sicurezza pubblica e contrasto della criminalità organizzata, attribuite alla Polizia di Stato; le attività in materia di soccorso in montagna, sorveglianza delle acque marine e controllo doganale in materia di commercio illegale della flora e della fauna in via di estinzione, attribuite alla Guardia di finanza (articolo 10); le funzioni residue del Corpo passate al ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali (articolo 11).

IL TRASFERIMENTO DEL PERSONALE
Assieme alle competenze, naturalmente, ci si era occupati del trasferimento del personale. In base all’articolo 12, nello specifico, erano state conseguentemente ampliate le piante organiche dei rispettivi corpi di destinazione ed il capo del Corpo forestale dello Stato aveva emanato tutta una serie di provvedimenti, il primo dei quali è stato il decreto 81253 del 31 ottobre 2016, con cui i forestali sono stati in gran parte assegnati all’Arma dei carabinieri (7.013 unità) e per il resto suddivisi tra Polizia di Stato (123 unità), Guardia di finanza (40 unità), Vigili del fuoco (379 unità) e ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali (46 unità).
Entro quello stesso termine, il presidente del Consiglio dei ministri aveva emanato un decreto con il quale si stabiliva che un massimo di 607 unità avrebbe potuto chiedere la mobilità verso amministrazioni civili diverse dal ministero delle Politiche agricole e delle forze di polizia di cui sopra. Con un però: contestualmente alla domanda il richiedente avrebbe potuto optare – nel caso in cui la sua richiesta non fosse andata a buon fine – per l’accettazione dell’assegnazione originaria effettuata dal capo del Corpo forestale nel suo decreto o per il collocamento in disponibilità (articolo 33, comma 8, decreto legislativo n.165/2001).
In quest’ultima ipotesi, ormai fuoriusciti dal comparto sicurezza e difesa, i dipendenti vengono inseriti in appositi elenchi al fine della riqualificazione e ricollocazione in altre amministrazioni. Tale stato ha comunque una durata massima di due anni, durante i quali si percepisce un indennizzo pari all’80 per cento della precedente retribuzione ed al termine dei quali il rapporto di lavoro “si intende definitivamente risolto” (articolo 34, comma 4, decreto legislativo 165/2001).

LA QUESTIONE DELLA LEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE
L’impianto normativo che coinvolge il Corpo forestale dello Stato ha sollevato molte perplessità, tanto da determinare il sorgere di una questione di legittimità costituzionale davanti la relativa Corte.
La questione – descritta nell’Ordinanza Tar Abruzzo, sezione di Pescara, n.235 del 9 giugno 2017, si fonda su molteplici profili di illegittimità, tanto della legge n.124/2015, quanto del decreto legislativo n.177/2016.
Secondo i giudici di Pescara la riforma Madia già conterrebbe, in nuce, alcuni dei vizi poi rinvenibili nel successivo decreto delegato.
Il primo si sostanzierebbe proprio nella genericità, in quanto l’articolo 8, lettera a, della legge n.124/2015, lascerebbe alla scelta arbitraria del governo lo stesso “eventuale assorbimento” del Corpo forestale dello Stato in altra forza di polizia (punto 4 e 4.2 della motivazione). E, soprattutto, la soluzione della militarizzazione, che la delega non ha espressamente escluso, si porrebbe in netto contrasto con i principi ispiratori del nostro ordinamento e con le sue linee evolutive.
Negli anni, infatti, la tendenza seguita dal legislatore è stata quella di optare per una progressiva smilitarizzazione dei corpi di polizia, come accaduto a Polizia di Stato, Polizia penitenziaria e Vigili del fuoco con la legge n.469 del 13 maggio 1961 e, soprattutto, allo stesso Corpo forestale dello Stato, il cui ordinamento civile è stato attuato in pieno solo con la legge di riordino n.36 del 2004. Non abbiamo a che fare, dunque, solo con un’antistorica militarizzazione, ma addirittura con una ri-militarizzazione.
Trattandosi di una vera e propria virata rispetto al sistema previgente, l’oggetto, i principi e i criteri direttivi di una simile scelta si sarebbero dovuti rinvenire nella legge delega in modo esplicito o, quantomeno, univoco. Cosa che non è accaduta.
Così come è stata approvata, la disposizione si risolverebbe in una vera e propria delega in bianco, illegittima in quanto in alcun modo idonea ad orientare l’iniziativa normativa dell’Esecutivo (articoli 76 e 77 della Costituzione).

LA TUTELA DELL’AMBIENTE
Un altro elemento sicuramente più interessante riguarda direttamente la tutela dell’ambiente. I giudici ricordano come il diritto alla tutela e salvaguardia dell’ambiente rappresenti un diritto fondamentale della persona, riconducibile agli articoli 9 e 32 della Carta costituzionale. Si ha, infatti, a che fare con uno dei punti nevralgici della tutela della salute umana, i cui presidi sono irremovibili ed incomprimibili, men che meno per esigenze di risparmio (così anche la Corte costituzionale 257/2016). E, tuttavia, è proprio questa la volontà, neppure minimamente celata, che sta dietro l’intera operazione: “per mere esigenze di bilancio e con operazione meramente ragionieristica di contenimento dei costi, si è ritenuto di smembrare un Corpo che nella sua lunga storia ha maturato un riconosciuto e consolidato bagaglio specialistico nella tutela dei beni ambientali.” (punto 4.1)
I dati oggi disponibili, al contrario, dimostrano come, con personale e mezzi invariati, non solo il risparmio di spesa derivante dall’assorbimento si sia rivelato inesistente, ma come si sia causata “la dispersione di un patrimonio culturale specialistico in complesse operazioni di riorganizzazione”, “non semplificando un collaudato sistema di protezione ambientale ma disciogliendolo in vari rivoli.” (punto 4.1)
Evidenti, infatti, sono stati gli elementi di complicazione e le inefficienze, soprattutto sotto il profilo della lotta agli incendi boschivi. La cosa era anche sotto gli occhi dei giudici di Pescara, che scrivevano le loro motivazioni proprio nel pieno della terrificante stagione degli incendi del 2017.
Come anticipato, il Tar non ha risparmiato neppure le scelte prese dal governo con il decreto legislativo n.177/2016. La vaghezza e la discrezionalità lasciate all’Esecutivo, infatti, difficilmente avrebbero potuto portare ad un risultato esente da censura. Non solo non si è prevista la possibilità per i forestali di essere assegnati ad una forza di polizia ad ordinamento civile, ma la ri-militarizzazione ha costituito il fulcro stesso della riforma.
Una scelta, quest’ultima, non solo contraria alla delega, ma anche irrazionale e, quindi, contraria all’articolo 3 della Carta, sia perché la militarizzazione non determina di per sé un innalzamento della tutela offerta ai cittadini e al patrimonio naturale, sia perché la rete capillare dei presidi del Corpo forestale dello Stato ha finito per sovrapporsi alla rete dell’Arma dei carabinieri.
In definitiva, secondo i giudici, stando alla legge delega del 2015, l’unica soluzione rispettosa della (non chiarissima) volontà del Parlamento sarebbe stata l’assorbimento del Corpo forestale nella Polizia di Stato. La seconda, principale, critica mossa all’assetto delineato dagli articoli 7 e similari del decreto legislativo n.177/2016 consisterebbe nella violazione dell’articolo 2 della Costituzione, in quanto avrebbe determinato una insopportabile “limitazione del principio di autodeterminazione del personale del Corpo forestale nel consentire all’assunzione dello status militare e alle conseguenti limitazioni all’esercizione dei diritti costituzionali facenti capo al singolo.” (punto 3.1)
Se avesse rinunciato all’assegnazione disposta dal comandante del Corpo forestale – sostengono i giudici – il personale si sarebbe esposto al sicuro peggioramento delle proprie condizioni giuridiche ed economiche del proprio rapporto di lavoro (mobilità e disponibilità), nonché ad una possibile estinzione dello stesso. Problema, questo, certamente accentuato dall’esiguità dei posti messi a disposizioni in altre amministrazioni civili dello Stato e, incredibilmente, neppure preso in considerazione dal Consiglio di Stato. (parere n.1183/2016)

VIOLAZIONE DELL’ARTICOLO 2 DELLA COSTITUZIONE SU LIBERTÀ DI AUTODETERMINAZIONE DELL’INDIVIDUO
Come affermano i giudici, dunque, la scelta di gran parte del personale di non tentare l’insidiosa strada della mobilità non sembra “frutto di volontà libera da coazione”, quanto piuttosto dettata dal bisogno di non sacrificare la propria professionalità e di tutelare le condizioni lavorative ed economiche proprie e della propria famiglia. Un risultato ancora una volta certificato dai numeri: sul totale del personale assegnato all’Arma, solo in 236 ex forestali hanno chiesto di passare ad altre amministrazioni civili e, di questi, in 52 hanno rischiato la procedura di disponibilità in caso di mancato accoglimento. Nonostante l’assenza di una scelta libera, con l’assunzione dello status militare, gli ex forestali si sono sottoposti ad un regime disciplinare e gerarchico molto più intenso di quello delle forze di Polizia ad ordinamento civile. Sono, inoltre, soggetti al codice penale militare di pace, alla giurisdizione della magistratura militare e all’obbligo di difesa militare della Patria.
Anche a parere del Tar Veneto (ordinanza n.210/2018) il legislatore ha inciso significativamente la libertà di autodeterminazione dell’individuo, tutelata dall’articolo 2 della Costituzione, che riconosce il valore del singolo individuo ed il suo diritto di sviluppare pienamente la propria personalità. Questa libertà, per altro, sarebbe particolarmente rafforzata con riferimento al luogo di lavoro, in quanto l’articolo 4 della Costituzione riconosce a ciascun cittadino il diritto di scegliere liberamente la propria attività lavorativa, “il che comporta, da parte dei pubblici poteri, il dovere di astensione da ogni interferenza nella libertà del singolo di scegliere autonomamente la professione che maggiormente si addice alla propria personalità.” (punto 5)
Verrebbe da dire che il legislatore non ha tenuto in debita considerazione le belle parole che neppure troppo tempo prima erano state spese nei confronti del Corpo forestale, definito quale “Corpo benemerito che da quasi centottanta anni svolge, pur nella carenza dei mezzi a disposizione, un’efficace azione nello spazio rurale, attraverso attività di prevenzione, controllo e repressione per la salvaguardia del settore agricolo e forestale nazionale.
Un vero e proprio baluardo fondamentale alle sempre più impetuose calamità legate al dissesto idrogeologico, agli incendi boschivi e alle avversità meteorologiche, riformato nel 2004 con lo scopo di “fare compiere un salto di qualità ad un Corpo che ha tutte le potenzialità umane e professionali per divenire una forza di eccellenza, con la creazione di una struttura ad alta specializzazione tecnica ed operativa.” (relazione al disegno di legge n.1535 della Camera della XIV legislatura)
Dopo l’udienza del prossimo 8 aprile sulle libertà sindacali degli appartenenti a corpi militari, il 5 giugno 2018 la Corte costituzionale affronterà anche questa delicatissima questione.

fonte: terredifrontiera

23 marzo 2018

A lezione di ambiente con i carabinieri del Gruppo forestale

Anche i carabinieri del Gruppo forestale di Brindisi entrano nella Rete “Qualamano”, il protocollo d’intesa nato quattro anni fa per volontà della prof.ssa Lucia Portolano, dirigente dell’Ic Sant’Elia Commenda fortemente convinta che la scuola vincente sia quella al centro del tessuto sociale.

Nel tempo i partner della Rete hanno operato, con un’azione sinergica tra istruzione formale e occasioni di apprendimento non formale, affinché gli alunni acquisissero adeguate competenze di base ma anche capacità di relazione e di collaborazione, condizioni indispensabili per l’esercizio di una cittadinanza attiva e consapevole. In questi giorni si stanno svolgendo una serie di interventi formativi del Gruppo Carabinieri Forestale del capoluogo, coordinati dal Colonnello Ruggiero Capone, nei diversi plessi dell’Istituto.

Destinatari gli alunni di tutti gli ordini del Comprensivo, dai piccoli della scuola dell’Infanzia ai ragazzi della scuola secondaria di I grado. Un fitto calendario di incontri che prevede attività in aula e sul campo incentrate su diverse tematiche, a cominciare dall’educazione ambientale.

Proprio la salvaguardia dell’ambiente per uno sviluppo sostenibile è tra i 17 obiettivi dell’Agenda 2030, documento siglato dalle Nazioni Unite per costruire società eque, sostenibili e prospere e posto al centro del curricolo dell’Istituto della Dirigente Portolano. Tante le azioni, programmate in un’ottica trasversale e multidimensionale, volte a migliorare competenze e stili di vita degli studenti e diffondere modelli virtuosi di produzione e consumo sostenibile.

Il Comprensivo Sant’ Elia-Commenda è, dunque, in prima linea nell’ impegno verso l’ambiente e la natura, a cominciare dalla dimensione più vicina agli alunni, quella del quartiere, attraverso sinergie con le altre istituzioni e realtà del territorio. Proprio nel quartiere Sant’ Elia ha sede il Gruppo Carabinieri Forestale, visitato nelle giornate del 21 e 22 marzo dalle sezioni dei quattrenni e cinquenni del plesso Modigliani 16.

I bambini si sono mostrati desiderosi di conoscere da vicino le “sentinelle della natura” e soddisfare le proprie curiosità di giovani cittadini rispettosi dell’ambiente. In un rione, spesso all’attenzione delle cronache per fenomeni di degrado ambientale e sociale, le nuove piccole leve dell’Istituto hanno mostrato tutto l’entusiasmo della loro tenera età e la volontà di contribuire a migliorare il mondo che li circonda. Nelle prossime settimane sono in programma gli interventi formativi, sempre curati dal Gruppo Carabinieri Forestale di Brindisi, per le classi della Scuola Primaria e della Secondaria di I grado.

fonte: brindisireport

23 marzo 2018

Una maggiore presenza dei Carabinieri Forestali sul territorio a garanzia della sicurezza e della legalità

La Regione Marche ha approvato il Programma annuale 2018 per l’impiego dei Carabinieri Forestali nell’ambito delle competenze regionali. L’utilizzo delle unità è disciplinato dalla convenzione sottoscritta lo scorso anno con il Ministero delle politiche agricole e forestali.

“Viene data attuazione alla prima delle due annualità della nuova intesa – spiega la vice presidente Anna Casini, assessore Agricoltura e Foreste – La collaborazione dei militari è essenziale per garantire la legalità e i controlli sul territorio. La loro riconosciuta professionalità viene messa a disposizione della comunità anche sul fronte della prevenzione e della tutela ambientale. La cooperazione, ormai storica, delle Marche con i Carabinieri Forestali rafforza la stima e il ringraziamento per l’ottimo lavoro sempre svolto”.

Il programma 2018 incentra l’attenzione sulle questioni legate alla polizia forestale, alla tutela delle formazioni vegetali, valorizzazione dei funghi e tartufi, alla certificazione dei materiali forestali di propagazione, alle vegetazioni monumentali. La gestione del territorio sarà perseguita con la sorveglianza delle aree protette, i controlli sulle opere che richiedono la valutazione ambientale, il monitoraggio sulla presenza del lupo, la polizia idraulica. Di rilievo anche l’attività di protezione civile: i Carabinieri Forestali opereranno nella prevenzione degli incendi boschivi, nel monitoraggio del rischio neve e valanghe, nella sicurezza del territorio montano e rurale, negli adempimenti zootecnici connessi agli eventi sismici del 2016.

fonte: altogiornalemarche

22 marzo 2018

Protocollo d’intesa tra Arma dei Carabinieri e Accademia Italiana di scienze forestali.

Roma, 9 gennaio 2018 – Oggi a Roma presso il comando generale dell’Arma dei Carabinieri, il comandante generale Tullio Del Sette e il presidente dell’Accademia Continua a leggere