PARCO DEI NEBRODI, FERMATO UN ALLEVATORE-PIROMANE. AVEVA APPICCATO CINQUE ROGHI NEL TERRITORIO DI MIRTO

CRONACA – I sospetti dei carabinieri su Gaetano Sebastiano Liuzzo Scorpo risalgono all’anno scorso, quando nella stessa zona montuosa del Messinese altri incendi erano divampati. Nelle tasche gli sono stati trovati due accendini

Un uomo di 39 anni, Gaetano Sebastiano Liuzzo Scorpo, è stato fermato dai carabinieri di Sant’Agata di Militello perché accusato di avere incendiato volontariamente mezzo chilometro quadrato di macchia mediterranea. Di professione allevatore, avrebbe appiccato i roghi all’interno di un’area del Parco dei Nebrodi, nel territorio del comune di Mirto. Cinque i punti da cui le fiamme sarebbero partite. 

Intercettato dai militari, addosso aveva due accendini e un coltello a serramanico. Tutti gli oggetti sono stati sequestrati. Le fiamme, che si erano propagate con velocità a causa del vento, sono state spente dai vigili del fuoco. Liuzzo Scorpo era già sospettato di essere l’autore di altri incendi appiccati l’anno scorso. È stato posto in stato di fermo e adesso si trova ai domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida.

14 aprile 2018

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *