FORESTALI ED ENTI DI SERVIZIO ALL’AGRICOLTURA: SINDACATI CONTESTANO IMMOBILISMO REGIONE….

E CHIEDONO INCONTRO A MUSUMECI. “USCIRE DALLO STALLO O SARÀ PROTESTA”

Palermo, 22 marzo- “Per quanto riguarda il settore forestale e gli enti di servizio all’agricoltura vige il completo immobilismo della Regione e i problemi aperti si vanno sempre più aggravando. Chiediamo al Presidente Musumeci di incontrarci al più presto per parlare di forestale, Consorzi di bonifica, Esa e Aras”: lo scrivono in una lettera inviata al Presidente della regione i segretari generali di Flai, Fai e Uila, Mannino Manca e Marino e i segretari regionali di Cgil, Cisl e Uil, Pagliaro, Milazzo e Barone. I sindacati sottolineano che “in assenza di convocazione il 27 marzo, a partire dalle 10, ci sarà un’auto- convocazione dei propri gruppi dirigenti davanti alla Presidenza della Regione”. “C’è stata in questi mesi una disponibilità al confronto degli assessori, dei direttori e dei funzionari- sottolineano – ma finora mancano del tutto le risposte concrete mentre ci sorprendono notizie come quella dell’intenzione di sopprimere l’Esa con il passaggio dei lavoratori alla Resais, senza che sia chiaro il ruolo e la funzione di questi lavoratori. Non si è peraltro andati avanti con l’applicazione dell’accordo aziendale per omogeneizzare i trattamenti economici dei lavoratori nelle varie province”. Per quanto riguarda i forestali i sindacati sottolineano che “manca ancora una proposta di riordino del settore, si è ancora in attesa della direttiva per l’attuazione del contratto integrativo regionale mentre aumenta il contenzioso con danno per le casse della Regione, non ci sono inoltre certezze in merito alle risorse disponibili (da bilancio ordinario e da fonte extraregionale) per lo svolgimento delle giornate di legge e per la tutela e valorizzazione del patrimonio boschivo”. I sindacati lamentano anche la mancanza di interventi sulla crisi finanziaria dei consorzi di bonifica, “che sta causando pesanti ritardi nel pagamento degli stipendi, l’impossibilità a normativa vigente di fare partire la stagione irrigua visto che non è possibile l’assunzione di lavoratori che hanno contenziosi con l’Ente, la paralisi della concertazione con la direzione dei consorzi”. Stallo anche per quanto riguarda l’Aras, l’associazione regionale allevatori, i cui dipendenti non hanno ancora ripreso le attività”.


Leggi anche:


Comparto forestale. Le Segreterie regionali di Fai, Flai, e Uila scrivono al presidente Musumeci e chiedono un incontro urgente. Dopo cinque mesi il governo non ha prodotto nessun atto legislativo

Ascolta le interviste:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *