ENNESIMA VERGOGNOSA “IPOTESI DI ACCORDO” DEL CONTRATTO INTEGRATICO REGIONALE A DANNO DEGLI ADDETTI AI LAVORI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALE

Alle organizzazioni confederali evidentemente non è bastato accettare ed applaudire alla legge forestale presentata dall’Assessore Antonello Cracolici, ora stanno pure elaborando e accettando il rinnovo del contatto integrativo regionale (CIRL) per gli addetti ai lavori di sistemazione idraulico-forestale e idraulico-agraria sistemazione agro forestale – ambientale –  rurale. Un contratto a mio avviso peggiorativo rispetto a quello che avevano già sottoscritto decenni prima. Un contratto che maschera molte insidie sotto un aumento salariare nell’orario di lavoro di 80 euro mensili che sono una miseria pensando che il lavoratore forestale svolge un’attività annua che va dai tre mesi ai sei. Un contratto che continua ad esasperare le guerra sociale interna tra gli operai forestali, continuando ad accentuare lo stato di precarietà e di differenze di livello, tutto in cambio di una miseria di aumento salariale. La sottoscrizione di questo ennesimo accordo evidenzia per l’ennesima volta il ruolo di meri esecutori dei voleri padronali assolto dai sindacati, che, in cambio, continuano a ricevere il monopolio della rappresentanza ed organizzazione dei posti di lavoro e di quel ricco banchetto, in cui finiscono milioni di euro dei lavoratori. Dal contratto sembra che il Governo, i dirigenti generali e i sindacati sconoscano l’argomento forestale ma ancor di più quello dell’antincendio boschivo, poiché continuano a collocare incredibilmente l’operaio addetto allo spegnimento incendi al secondo livello addirittura sotto chi effettua l’intrecciatura di fibre vegetali oppure frassinicoltore, basta vivere questa attività o leggere qualunque manuale per capire che le operazioni antincendio boschivo (AIB) sono a tutti gli effetti degli interventi di natura emergenziale, effettuati in condizioni ambientali difficili per la presenza, anche contemporanea, di alte temperature, fumo, terreno accidentato e materiale, anche incandescente, in movimento. A questo si aggiunge che i mezzi e le attrezzature utilizzati dall’operatore AIB nell’espletamento della sua attività, sono potenzialmente pericolosi per la sicurezza della persona che li impiega. Ne consegue che l’operatore AIB è sottoposto ad un lavoro oltremodo faticoso e caratterizzato da molteplici pericoli per la sua incolumità fisica, che possono portare ad infortuni anche mortali. Inoltre voglio mettere in evidenza a tutti gli operai forestali che nel contratto vengono utilizzate delle frasi gravi come “qualora ce ne siano le condizioni”, espediente che evita che molti articoli possano essere applicati in maniera corretta. Gli incarichi per i livelli superiori vengono attribuiti senza nessuna regola concorsuale come sempre direttamente dal Dirigente di Servizio togliendo la possibilità di partecipazione a tutti i lavoratori che ne hanno diritto, (quindi l’amico privilegiato continua a essere il primo) A tutti gli operai consiglio prima che tutto venga messo in atto di leggere il contratto per bene, poiché riguarda la vostra vita lavorativa e di porvi delle domande: Ma come mai questo senso di responsabilità le organizzazioni sindacali lo manifestano solo ora? Come mai non è stato distribuito e discusso in maniera approfondita nei cantieri forestali? Migliaia di lavoratori impoveriti dalla precarietà e dall’incertezza hanno forse bisogno di questo misero aumento di salario?

Forestali e non dobbiamo continuare a sottostare ai ricatti delle organizzazioni padronali? I disastri portati dalla politica fatta di compromessi e svendita di diritti sostenuta dai sindacati confederali, verso i quali in passato si nutriva profonda stima oggi sono evidenti e sotto gli occhi di tutti. Colleghi forestali, giovani generazioni voglio ribadire che è necessario resistere e opporsi poiché ne va del nostro futuro.

Io non riconosco e non accetto questo contratto di lavoro

12 ottobre 2017

Presidente MAB Sicilia
Salvatore Ferrara

Share Button
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a ENNESIMA VERGOGNOSA “IPOTESI DI ACCORDO” DEL CONTRATTO INTEGRATICO REGIONALE A DANNO DEGLI ADDETTI AI LAVORI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALE

  1. Tonio scrive:

    Ci fanno.sentire l’odore del biscottino per tenerci al guinzaglio .ma abbiamo un arma potentissima la matita del voto cacciamoli via dalle poltrone tanto ormai da anni sappiamo le loro promesse e arrivata l’ora di cambiare via tutti i vecchi maripinoi diamo spazio ai giovani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette − dodici =